Inizio Della Caviglia E Blocchi Di Movimento Nelle Gare Di Velocità


Inizio Della Caviglia E Blocchi Di Movimento Nelle Gare Di Velocità

Una delle parti più importanti nelle gare di velocità è una rapida uscita. Questo garantisce il tempo minimo necessario per raggiungere la massima velocità. I blocchi da corsa sono utilizzati per consentire ai corridori di raggiungere la massima velocità il più velocemente possibile, ma la tecnica necessaria può essere un po 'complicata.

Forma dei blocchi di corsa

Quando si usano i blocchi di corsa, un aspetto chiave è adottare la forma appropriata dei blocchi. La parte dominante del corridoio deve essere nel blocco anteriore, afferma Coaches Education. Il ginocchio anteriore dovrebbe essere piegato a 90 gradi e il ginocchio posteriore a 120, con le dita dei piedi ben posizionate sulla pista. Una volta che il segnale di partenza arriva, l'attenzione deve essere focalizzata sull'uso di entrambe le gambe per uscire dal blocco di partenza, che consente al corridore di uscire rapidamente.

Movimento della caviglia prima della partenza

Come previsto, è importante evitare che le caviglie si muovano prima della partenza. Spostare le caviglie mentre il corridore attende nel blocco può rendere difficile per loro usarle correttamente per uscire rapidamente, poiché il movimento può ridurre l'aderenza delle scarpe alla pista e produrre a sua volta uno spreco di movimenti una volta Il corridore inizia la gara. Tuttavia, Coaches Education dice che i velocisti non dovrebbero posizionare i talloni sul blocco per prevenire il movimento prematuro delle caviglie, in quanto si tratta di una cattiva tecnica e può comportare un avvio lento.

Movimento della caviglia all'inizio

La distanza tra la parte anteriore e posteriore del blocco determina quanto è possibile spostare le caviglie per iniziare. Spiega le informazioni degli allenatori, ci sono tre diverse opzioni sorprendenti da piazzare sul blocco: "bunch" o bullet start, medium e long. Il "mazzo" ha la distanza delle dita tra 10 e 12 pollici. Questo riduce al minimo il tempo che i piedi dei corridori sono in contatto con i blocchi, ma riduce anche il movimento delle caviglie, riducendo la forza all'inizio della gara. In una partenza prolungata, i piedi sono separati da una distanza compresa tra 24 e 28 pollici, che massimizza il movimento delle caviglie ma prolunga la quantità di tempo che impiega il corridore a uscire dai blocchi, rallentando la loro uscita. Di conseguenza, la posizione migliore è con i piedi a una distanza di 16-21 pollici, che dà alle caviglie movimento sufficiente a generare una forza significativa, ed evita anche di prolungare il tempo in cui i piedi rimangono nei blocchi. Pertanto, il movimento moderato nelle caviglie è ottimale nei blocchi di partenza delle gare.

Variabilità del movimento della caviglia

Un fattore meno ovvio quando si esce dai blocchi di corsa è la quantità di variabilità nel movimento delle caviglie, che fa la differenza tra la velocità massima e minima della caviglia.Uno studio pubblicato in un numero del 2007 di Sports Biomechanics ha esaminato la relazione tra la variabilità della velocità della caviglia. In questo studio è stato riscontrato che l'aumento della variabilità della velocità del movimento della caviglia è associato alla diminuzione del tempo in 10 metri di corsa. Ciò suggerisce che l'aumento della variabilità del movimento della caviglia porta ad un inizio più veloce quando si lasciano i blocchi.

Video Tutorial: Multifunzionalità della articolazione sottoastragalica.

Ti Piace? Condividi Con I Tuoi Amici: