Riabilitazione Dopo La Rottura Del Legamento Crociato Anteriore

Riabilitazione Dopo La Rottura Del Legamento Crociato Anteriore

Il legamento crociato anteriore (ACL) è uno dei principali legamenti che fornisce stabilità al ginocchio. La lesione del legamento crociato anteriore si verifica comunemente durante movimenti sportivi senza contatto che comportano interruzioni aggressive, tagli o cambi di corsia. La lesione ACL è tipicamente segnalata dal dolore, da un suono "gorgogliante" e dal gonfiore del ginocchio. Nella maggior parte dei casi, si consiglia di ricorrere alla chirurgia per ricostruire l'ACL ferito per evitare instabilità e ulteriori danni al ginocchio.

complicazioni chirurgiche

Il problema più comune dopo l'intervento chirurgico per ricostruire il legamento crociato anteriore è la rigidità del ginocchio e la perdita di movimento, in particolare l'estensione. Quando ciò accade, può portare a uno squilibrio del muscolo flaccido e ad una funzione carente del ginocchio doloroso.

Molti studi hanno dimostrato che il tempismo della chirurgia ACL è fondamentale per avere un buon risultato. In particolare, se l'intervento viene eseguito per ricostruire il legamento crociato anteriore del ginocchio quando gonfio e una scarsa gamma di movimento, allora c'è un'alta incidenza di rigidità ginocchio dopo l'intervento chirurgico. Queste complicanze possono essere significativamente ridotte se la chirurgia viene ritardata fino a quando la fase di lesione acuta si è risolta e il movimento e la deambulazione normale sono tornati.

riabilitazione di successo

La riabilitazione dopo lesione del LCA o pre-liquidati prima di un intervento chirurgico ACL ha tre obiettivi principali: l'infiammazione di controllo, ripristinare la gamma di movimento e migliorare la forza dei muscoli quadricipiti per ripristinare il normale funzionamento.

Dopo un infortunio ACL è comune immobilizzare il ginocchio e utilizzare le stampelle fino a quando il dolore non è scomparso e il controllo muscolare è tornato abbastanza da camminare senza cadere. Tuttavia, devi stare attento con l'immobilizzazione. Ricorda che l'obiettivo è quello di ripristinare la funzionalità e l'uso prolungato di un immobilizzatore del ginocchio può portare ad un peggioramento della rigidità e della perdita muscolare. Se hai il coraggio di usare il ginocchio, metti il ​​peso gradualmente su di esso e muovilo tanto quanto il dolore lo consente.

Autoterapia e terapia domiciliare

Ecco alcuni semplici passaggi per migliorare la funzionalità del ginocchio e, in definitiva, per migliorare i risultati dopo l'intervento. Primo a controllare il dolore e il gonfiore. Posizionare il ghiaccio e sollevare il ginocchio è una grande terapia all'inizio.È necessario posizionare un impacco di ghiaccio sul ginocchio con una barriera protettiva sottile per 15 a 20 minuti per un momento 2-3 volte al giorno. Inoltre, contro farmaci anti-infiammatori come Advil, Motrin o Aleve sono utili per aiutare a controllare il dolore e l'infiammazione durante la prima settimana (o le prime due settimane) dopo l'infortunio.

Quindi devi fare tutto il possibile per ripristinare il raggio di movimento il più rapidamente possibile. Per recuperare l'estensione si dovrebbe sostenere il tallone su un asciugamano arrotolato per impedirle di terra, rilassarsi e lasciare che la gravità prendere la sua estensione della gamba. Appendere a testa in giù è anche molto efficace. Questo viene fatto a faccia in giù su un tavolo con le gambe che pendono oltre il bordo dal bordo di nuovo permettendo alla gravità di portare il ginocchio alla massima estensione. La punta della gamba sana può anche essere utilizzata per spingere il tallone della gamba ferita per spingere il ginocchio dritto.

Gli alettoni del tallone sono molto utili per il recupero della flessione. Questo viene fatto riposando sulla schiena e facendo scorrere il tallone fino ai glutei. Nelle fasi successive puoi afferrare la gamba con entrambe le mani e tirare il tallone verso di te per ottenere più flessibilità.

Questi esercizi dovrebbero essere eseguiti da 3 a 4 volte al giorno per 15 o 20 minuti ogni volta. Una volta che hai recuperato il movimento del ginocchio, inizia a rafforzare il muscolo quadricipite. Sollevare la gamba dritta è un buon modo per iniziare e quindi è possibile passare gradualmente alla cyclette, al nuoto e alle macchine per l'allenamento ellittico.

Queste attività dovrebbero continuare finché non si può camminare normalmente senza zoppicare e avere un movimento simile ripristinato sul lato non lesionato. Come sempre, dovresti consultare il tuo chirurgo ortopedico per aiutarti e guidarti attraverso questo processo.

Video Tutorial: Riabilitazione del crociato anteriore post intervento - protocollo.

Ti Piace? Condividi Con I Tuoi Amici:
Aggiungi Un Commento