Sindrome Dell'Intestino Irritabile: Suggerimenti Su Come Controllare I Sintomi


Sindrome Dell'Intestino Irritabile: Suggerimenti Su Come Controllare I Sintomi

sindrome dell'intestino irritabile, un disturbo che colpisce fino al 25 per cento delle persone, causando dolore periodico addominale, gonfiore, gas e modifica delle abitudini intestinali, come diarrea, stitichezza o entrambi. La causa di IBS è sconosciuta, ma la malattia non è mortale. IBS può essere diagnosticato solo se sono state escluse tutte le altre cause potenzialmente gravi per i sintomi. Anche se non esiste una cura per IBS, potresti essere in grado di ridurre i sintomi con alcune semplici modifiche allo stile di vita e rimedi da banco.

Cambiamenti nella dieta

Molte persone con IBS possono identificare cibi e bevande che aggravano i loro sintomi specifici. I prodotti lattiero-caseari, la caffeina, il grano e il mais sono i fattori scatenanti più comuni, ma non tutti hanno gli stessi fattori scatenanti. Mantenere una registrazione quotidiana degli alimenti che mangi e dei sintomi ti aiuterà a identificare gli elementi da evitare. Sebbene le fibre alimentari aggiuntive siano spesso raccomandate per i pazienti con IBS, un rapporto del 2011 del "Cochrane Database of Systematic Reviews" ha concluso che non vi sono prove di benefici derivanti dall'assunzione di più fibre.

Esercizio

In un piccolo studio che ha coinvolto 102 pazienti con IBS, gli scienziati dell'Università di Gothenburg in Svezia hanno dimostrato che l'aumento dell'attività fisica ha portato a un miglioramento dei sintomi gastrointestinali nei pazienti con IBS. Inoltre, le persone con IBS avevano meno probabilità di presentare sintomi ricorrenti se rimanevano attivi. Se non si è abituati all'attività fisica, consultare il medico prima di iniziare un programma di esercizi.

Rimedi over the counter

L'alterata attività intestinale che caratterizza l'IBS può manifestarsi come costipazione o diarrea. Alcune persone si alternano tra i due. Per le persone che hanno problemi principalmente a causa della diarrea, loperamide (Imodium) può ridurre la frequenza dei movimenti intestinali e alleviare il disagio addominale. Se il sintomo principale è la stitichezza, può essere utile l'uso occasionale di lassativi da banco, come il citrato di magnesio o il polietilenglicole (Miralax). L'olio di menta con rivestimento enterico ha dimostrato di essere utile in alcune prove, ma può peggiorare il reflusso acido, quindi dovrebbe essere usato con cautela. Non provare nessuno di questi fino a quando non ne hai discusso con il medico.

Stress Release

Molte persone con IBS nota un significativo peggioramento del dolore addominale, gonfiore, costipazione e flatulenza nei momenti di stress. Pertanto, la gestione dello stress o le tecniche di rilassamento possono aiutare ad alleviare i sintomi.Il tipo giusto per te - meditazione, yoga o un massaggio - è una questione di preferenze personali. Per le persone con sintomi più gravi legati all'ansia, all'ipnosi o alla psicoterapia formale, potrebbe essere necessario. Il medico può indirizzarti allo specialista appropriato.

Probiotici

Normalmente, il tratto gastrointestinale umano è abitato da miliardi di batteri che partecipano alla digestione, regolano l'attività immunitaria e aiutano a preservare l'integrità della mucosa intestinale. Diversi studi hanno mostrato differenze nella "flora" intestinale delle persone con IBS. Secondo una revisione del 2008 del "World Journal of Gastroenterology", i probiotici, che sono microrganismi vivi che possono essere aggiunti agli alimenti o assunti in forma di supplemento, possono essere utili per ripristinare una popolazione normale di microbi e alleviare i sintomi nelle persone con IBS. Non c'è consenso su quali ceppi o dosi di probiotici siano i migliori per il trattamento dell'IBS. In definitiva, ogni persona può avere una "formula" probiotica progettata specificamente per le proprie esigenze. Finché questo problema non sarà chiarito, consulti il ​​medico per i consigli.

Considerazioni

L'IBS è una malattia cronica la cui causa sottostante non è stata identificata. Circa un terzo dei pazienti con IBS migliora entro un anno dall'inizio dei sintomi, ma quasi il 70% ha una recidiva entro 5 anni. Se pensi di avere l'IBS, ma non sei stato valutato clinicamente, consulta il tuo medico. L'IBS può imitare altri problemi più gravi, come la celiachia o la malattia infiammatoria intestinale.

Video Tutorial: Colon Irritabile - Domande e risposte - Prof. Giovanni Gasbarrini.

Ti Piace? Condividi Con I Tuoi Amici: